Pieraccioni single incallito: “Le mie piccole, biechissime, gioie quotidiane

Il noto regista e attore toscano spiega perché sceglie di restare single e ammette di trarre una certa soddisfazione nell'assistere alle discussioni delle coppie

Cinquantatrè anni compiuti lo scorso 17 febbraio, Leonardo Pieraccioni non fa parte dei Millennials ma fra i Millennials ha un grandissimo seguito. Non solo come attore e regista, ma anche come compagnia virtuale: la sua pagina Facebook conta oltre 700mila follower. Pieraccioni non risponde mai a nessuno, questo va detto, però in compenso condivide momenti della sua quotidianità e riflessioni private, di conseguenza viene percepito come una sorta di amico.

Oggi, 27 febbraio, Leonardo Pieraccioni ha deciso di svelare le grandi soddisfazioni derivanti dalla sua condizione di single incallito. Una condizione che gli regala “piccole, biechissime, gioie quotidiane. Si autodefinisce un “goditore di malumori sentimentali altrui“; proprio “come una comare, sulla seggiolina impagliata davanti a casa, mi faccio raccontare con dovizia di particolari le giornaliere micro agopunture nei coglioni che le coppie sono costrette a sopportare; e come chi ha già fatto la dolorosa colonscopia, ho quel sottile, sadico, sorrisetto di chi guarda entrare dal dottore quelli che ancora la devono fare“.

La gioia di essere single alla sua età, spiega Pieraccioni, sta nella possibilità di evitare tante inutili discussioni. Li definisce “trabocchetti d’amore” e ammette di non aver mai avuto il talento di driblarli. Ragion per cui ha rinunciato del tutto. Leonardo conclude il suo lungo messaggio citando Jim Morrison: “Bimbo mi chiedi cos’è l’amore? Cresci e lo saprai. Bimbo mi chiedi cos’è la felicità? Rimani bimbo e lo vedrai…“. Ha fatto il pieno di like, come prevedibile. Però c’è qualcosa che non convince. Nessuno osa mettere in dubbio la sua serenità, ci mancherebbe, tuttavia la sensazione è che qualcosa bruci.

Pieraccioni gira commedie divertenti, ironiche e pure romantiche. L’amore è un elemento fondamentale in ogni suo film. Ma lui, con l’amore, pare abbia sempre avuto un rapporto difficile. Quando ne ha parlato, in qualche intervista, ha lasciato prevalere la connotazione negativa. Il rovescio brutta della medaglia: i litigi, la stanchezza, le incomprensioni e via dicendo. La legge del compenso non è pervenuta.

Ha vissuto storie evidentemente non molto importanti fino all’incontro con Laura Torrisi, che è rimasta al suo fianco svariati anni e l’ha reso padre della piccola Martina. Parevano destinati a restare insieme per sempre e invece no. Sono in ottimi rapporti, abitano pure vicini, ma il legame si è trasformato nettamente. Dopo di lei, Pieraccioni è stato lontano dalle donne – come lui stesso ha raccontato – per 3 anni. Adesso boh. Qualche frequentazione gli capiterà, è pur sempre un essere umano, ma resta un single più che convinto. Felice davvero?

A occhio, trarre gioia dai litigi delle coppie non sembra esattamente il massimo. Coltivare un’idea dell’amore come qualcosa di nefasto, una iattura, non sembra il massimo. E se di fondo ci fosse una sorta di rammarico?

Foto by Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here