Luigi Di Maio, 10 cose che non tutti sanno

Dalla scuole delle Orsoline al sogno adolescenziale, le curiosità sul candidato premier del Movimento Cinque Stelle

Luigi Di Maio, appartenente al nutrito esercito di millennials italiani (è nato il 6 luglio 1986), è il candidato premier del Movimento Cinque Stelle. E sta affrontando questa campagna elettorale con estrema determinazione e una notevole dose di convinzione. Dicono abbia il sangue freddo, in effetti sembra imperturbabile anche nelle situazioni più scomode e dinanzi alle critiche più feroci. E’ ambizioso, il ragazzo. Parecchio ambizioso. Di lui si sanno ormai parecchie cose, il suo complicato rapporto con il congiuntivo è noto a tutti e lo stesso dicasi per le sue prese di posizione politiche. Ci sono, però, alcuni elementi del suo passato, remoto e recente, nonché determinate sue caratteristiche che i più ignorano. Curiosi? Allora leggete qua:

  • Nel 2010, quando si è candidato come consigliere comunale nel suo paese di origine, Pomigliano d’Arco, ha raccolto soltanto 59 voti.
  • Prima di presentarsi alla Camera dei deputati lavorava come web master e studiava presso l’Università di Napoli. In prima battuta si è iscritto alla facoltà di Ingegneria, poi ha fatto il passaggio a Giurisprudenza. Non si è ancora laureato. Mancanza di tempo, sapete com’è.
  • E’ alto 170 cm (sono in molti a indagare, tramite Google, sulla sua statura. Chissà perché).
  • Ha frequentato la scuola materna delle suore Orsoline.
  • La madre è un’insegnante di italiano e latino. Ecco, allora questo fatto dei congiuntivi davvero non si spiega. Ci sarà di mezzo qualcosa di freudiano, boh.
  • Suo padre, Antonio, è stato un importante dirigente locale di Alleanza Nazionale.
  • Luigi Di Maio ha avuto qualche esperienza lavorativa come cameriere e manovale.
  • E’ stato fidanzato 3 anni con Silvia Virgulti, esperta di comunicazione e programmazione neurolinguistica, laureata in Glottologia, responsabile della comunicazione dei parlamentari grillini alla Camera. I due convivevano in un appartamentino a Trastevere e lui era sicuro di aver trovato la donna giusta, anche se lei ha 10 anni di più. Si sono lasciati lo scorso ottobre per ignoti motivi.
  • Quando Di Maio e la Virgulti condividevano la casetta a Trastevere, per l’affitto funzionava così: un mese pagava lui, un mese pagava lei.
  • Voleva fare il poliziotto. Vabbè.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here