B-Selfie filler antirughe: si applica come un cerotto

Promette di riempire le rughe perioculari e cancellare le zampe di gallina senza dolore né iniezioni grazie ai micro-aghi contenenti acido ialuronico

I filler sono utilizzati anche dai Millennials. I Millennials “senior”, diciamo, ovvero quelli di età compresa fra i 30 e i 37 anni (poi sfociamo nella Generazione X). I filler antirughe risultano piuttosto richiesti, si sa. E suscita quindi curiosità l’arrivo di un nuovo prodotto: B-Selfie, “il primo filler fai-da-te – si legge nel comunicato di presentazione – in grado di cancellare le rughe del contorno occhi in sole due ore“.

B-Selfie si applica come un cerotto, promette di riempire le rughe perioculari e cancellare le zampe di gallina senza dolore né iniezioni grazie ai suoi micro-aghi costituiti di acido ialuronico cristallizzato e addizionato di fattori di crescita (EGF). Lanciato sul mercato da PhaseTech, è un prodotto davvero innovativo per quanto riguarda il mondo dell’estetica professionale.

L’utilizzo è semplice: dopo aver purificato e asciugato l’area perioculare si posiziona il cerotto sopra le rughe e lo si tampona delicatamente con la punta di un solo dito per qualche minuto senza strofinare, per favorire la penetrazione dei micro-aghi. La procedura è completamente indolore. L’acido ialuronico si scioglie rilasciando in profondità il suo principio attivo.

La penetrazione dei micro-aghi – spiega il direttore scientifico di PhaseTech Andrea Piccardi, docente al Master di Medicina Estetica e Benessere all’Università degli Studi di Pavia – permette al principio attivo di sciogliersi e raggiungere il letto del solco della ruga, riempiendolo. Seppur non paragonabile a un filler tradizionale in termini di durata, il risultato immediato è perfino superiore ad alcune terapie iniettive e configura B-Selfie come una soluzione domiciliare straordinaria per le esigenze last minute“.

Insomma: prima di un’occasione importante e/o particolare, questo cerotto potrebbe di essere un ottimo alleato. Ma quanto dura l’effetto? Questo è il dubbio. L’azienda fa però sapere che il riempimento delle rughe “può essere sostenuto nel tempo attraverso una terapia da quattro trattamenti ravvicinati“. La curiosità è d’obbligo.

Foto by Ufficio stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here